Tu sei qui

“Per salari più alti e migliori condizioni di lavoro”


3

74

0

1

“In questa legislatura gli interessi e le istanze dei lavoratori e dei pensionati devono essere collocati al centro dell’azione politica”, questa la richiesta che i Segretari Generali della SGBCISL Dieter Mayr e Michele Buonerba avanzano nei confronti del nuovo Consiglio provinciale. La politica deve sostenere il Patto per l’Alto Adige, che serve a redistribuire reddito in un contesto nel quale cresce il precariato e conseguentemente le disuguaglianze.

Se la politica negli anni passati ha scelto prioritariamente di sostenere le imprese, deve adesso impegnarsi per favorire la redistribuzione della ricchezza, anche a fronte delle crescenti disuguaglianze e di redditi che non riescono a tenere il passo con il costo della vita. La politica è quindi chiamata a sostenere concretamente il Patto per l’Alto Adige, un accordo quadro tra parti sociali e politica, proposto dai Sindacati per favorire retribuzioni più alte e migliori condizioni di lavoro, a partire dalla conciliazione lavoro-famiglia, da realizzarsi attraverso la contrattazione territoriale. Tra l’altro dovrà essere costituito il fondo integrativo sanitario territoriale e ci dovrà essere l’incremento delle politiche attive del lavoro con misure mirate al rientro nel mercato del lavoro per coloro che hanno perso il lavoro.

Con la piattaforma sindacale, presentata alle liste prima delle elezioni, le organizzazioni sindacali hanno già indicato le priorità per la prossima legislatura, ricevendo riscontri positivi da chi è stato eletto.

“Come SGBCISL auspichiamo che i temi del lavoro, della sanità, del sociale, dell’abitare sostenibile – avanzati di concerto con il KVW e l’Associazione per il Sociale – siano oggetto delle trattative di coalizione e che la futura giunta provinciale terrà nella dovuta considerazione fin da subito le nostre proposte e richieste impegnandosi concretamente per affrontare questi temi.”

14.11.2018

 

Credits foto: 
© raven - Fotolia
Italiano