Tu sei qui

16 settembre: sciopero nella sanità privata


2

109

0

Le Organizzazioni Sindacali Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl hanno proclamato a livello nazionale per mercoledì 16 settembre 2020 una giornata intera di sciopero nel settore della sanità privata.

Lo sciopero è stato proclamato per la mancata sottoscrizione definitiva del contratto nazionale di lavoro da parte delle associazioni datoriali ARIS e AIOP, nonostante abbiano firmato una pre-intesa in giugno, e dopo 14 anni senza rinnovo contrattuale!

Questo nonostante il ministro della salute Roberto Speranza e la Conferenza Stato-Regioni si siano resi disponibili a finanziare il 50% del costo del rinnovo contrattuale, attraverso l’adeguamento delle tariffe a favore delle strutture accreditate.

Senza il rinnovo contrattuale si rischia che lo spostamento di personale qualificato nel pubblico continui e che l’attrattività di un impiego nella sanità privata scenda ulteriormente.

A livello provinciale, i Sindacati hanno chiesto due volte un intervento all’Assessore alla Sanità Thomas Widmann. Fino ad oggi, non abbiamo ricevuto risposta. L’obiettivo sindacale è un contratto integrativo territoriale che comprenda tutte le strutture che applicano il contratto della sanità privata.

In Alto Adige parlare di sanità privata significa parlare di punti di riferimento per i cittadini: le Case di Cura S. Maria, Villa Melitta, Bonvicini, Sant’Anna nonché la Lebenshilfe solo per citare le più grandi; complessivamente il settore conta circa 2.000 dipendenti.

Comunicato stampa delle Federazioni Funzione Pubblica di CGIL/AGB, SGBCISL e UIL-SGK del 15.09.2020

15.09.2020

 

Credits foto: 
foto simbolica. Foto Pixabay

Cerca

Form di ricerca


Ultime notizie