Tu sei qui

Info: Contributo per costi accessori ai pensionati con pensioni basse


22

343

0

Le domande di richiesta  di contributo (fino ad un massimo di 200 euro mensili)  per spese accessorie quali bollette di luce acqua e gas vanno presentate ai Distretti sociali del loro territorio, dove saranno aiutati a compilare un modulo di autocertificazione; in caso di impedimento si può delegare persona di fiducia.

Le domande  si possono presentare dal 21 giugno 2018 e i contributi – se spettanti - saranno pagati a partire da  luglio 2018.

NB: E’ bene ricordare  che il contributo ha la durata di 1 anno ma non è automaticamente continuativo: se permangono le stesse condizioni economiche si rifà la domanda al Distretto.

La richiesta si può presentare in ogni momento dell’anno.

 

Requisiti per il massimo dei contributi

Per avere diritto al contributo  massimo di 200 euro mensili:

  • Aver compiuto 65 anni di età
  • Vivere da soli  
  • Percepire una pensione non superiore a  750 euro nette al mese ( massimo 9mila euro netti all’anno)

 

Requisiti per un contributo ridotto 

Pensionati /e che NON hanno i requisiti  per avere il massimo dei contributi, ma che hanno una pensione tra   750 fino a 1090 euro netti mensili, devono andare comunque al DISTRETTO sociale per verificare il diritto ad un contributo  - anche se ridotto.

NB: se in coppia, il tetto delle pensioni può raggiungere la somma di 1420 euro per ottenere un contributo ridotto.

 

Contributo per afffitto

Se il/la  pensionato/a vive in un appartamento preso in affitto da privati, e la sua pensione non supera  1300 euro mensili,  può chiedere un contributo per il canone di affitto al Distretto del Territorio.

NB: Se in coppia, il tetto delle pensioni può raggiungere la somma di  1.740 euro netti mensili.

 

FNP, 19.06.2018

 

Credits foto: 
© gena96 - Fotolia