Tu sei qui

La Carovana della Salute è arrivata a Bolzano


3

71

0

Molti pensionati altoatesini delle 4 sigle sindacali sono partiti venerdì 31 maggio 2019, in pullman, per la grande manifestazione nazionale del 1 giugno a Roma contro le scelte economiche del Governo, al grido “NON SIAMO IL VOSTRO BANCOMAT”. Mentre loro riempivano la piazza di Roma, la FNP SGBCISL dell’Alto Adige/Südtirol  era in piazza Don Bosco a Bolzano con la “Carovana della Salute”: un progetto nazionale portato avanti con slancio, passione, dedizione e determinazione dalla nostra Provincia, un’offerta gratuita per essere più vicini ai bisogni della nostra gente, in modo semplice e spontaneo ma nello stesso tempo competente ed efficace, fare prevenzione per un invecchiamento attivo e di salute è uno degli obiettivi più importanti della federazione dei pensionati Cisl.

Un gruppo di lavoro, coordinato e diretto con maestria, bravura e puntiglio dalle Coordinatrici Donne in collaborazione con la Segreteria Regionale della FNP SGBCISL, ha lavorato a lungo.

Fin dall’alba si era in tanti a montare i gazebo e poi alle ore 10 si sono aperte le varie visite per chi si era prenotato da tempo, ma anche per i passanti. C’è stata una grande richiesta, che non ha consentito di soddisfare tutte le richieste entro le ore 18.

Hanno partecipato:

  • la Croce Bianca con la presentazione dell’utilizzo del defibrillatore e le misure di primo soccorso;
  • il camper IAPB Italia Onlus per le visite oculistiche è stato letteralmente preso d’assalto;
  • la ditta Zelger per il controllo dell’udito;
  • la Fondazione Veronesi per la consulenza antifumo;
  • l’AIDO ha illustrato l’importanza e la necessità di donare gli organi anche da anziani.
  • Le analisi per il controllo del colesterolo, della pressione e della glicemia sono state valutate dai medici che hanno fornito indicazioni per le eventuali patologie emerse, come il diabete o il rischio cardiovascolare.
  • La psicologa, con grande sorpresa, è stata impegnata per tutto il tempo: i richiedenti sono state soprattutto persone, che chiedevano come metabolizzare il lutto per la morte di una persona cara. La dottoressa ha indirizzato alcuni casi particolari a dei gruppi di sostegno.

 

Molte persone ci hanno chiesto di replicare l’evento, in quanto non ci sono liste di attesa, non c’è la paura dell’ospedale, è gratis ed è soprattutto comodo farlo in piazza il sabato, senza dover chiedere permessi di lavoro. Questo richiesta si valuterà di ripeterla in un prossimo futuro.

Si ringrazia, per il sostegno dato, l’assessore alle Politiche Sociali Dott. Juri Andriollo ed il sindaco Dott. Renzo Caramaschi che è venuto di persona a presenziare.

 

La segretaria generale regionale della FNP SGB Cisl dell’Alto Adige /Südtirol

AnnaRita Montemaggiore

05.06.2019

Alcune immagini:

 

 

 

Credits foto: 
FNP SGBCISL