Tu sei qui

Senza contrattazione locale, salari e pensioni più basse e un PIL in calo


3

183

0

1

La SGBCISL propone contratti territoriali per adeguare i redditi ai costi della vita, per migliorare le condizioni di lavoro e sostenere l’occupazione femminile. Ciò può garantire, nel futuro, pensioni più adeguate.

I dati presentati ieri dall’INPS confermano che esiste un’enorme divario di genere tra i pensionati altoatesini: le donne percepiscono mediamente 7.400 all’anno meno degli uomini. Se oggi le prime evidenziano una maggiore frequenza nella fascia bassa e i secondi in quella alta, con il sistema contributivo la forbice continuerà ad allargarsi.

L’impatto dell’invecchiamento demografico, in assenza di politiche compensative, nel lungo periodo rischierà di generare una povertà diffusa. Nel rapporto INPS è stato evidenziato che oltre il 10% del nostro PIL è indotto dalla spesa dei pensionati e un lento indebolimento del loro potere di acquisto avrà ricadute sulla ricchezza generale prodotta. Questo significherà meno imposte pagate e conseguentemente un calo delle entrate per la Provincia a fronte di un aumento di spesa sanitaria e assistenziale.

Tra soli 10 anni quasi il 40% della popolazione avrà più di 65 anni e nel 2050 supererà il 56%.

Da anni sosteniamo che serva un sistema contrattuale locale, più attinente alle caratteristiche del nostro territorio nel quale il 72,2% delle imprese ha meno di 5 addetti. Dobbiamo redistribuire meglio i redditi perché abbiamo una crescita dell’occupazione esclusivamente precaria e con contratti a tempo parziale. Lo si può fare contrattando retribuzioni, condizioni di lavoro e un sistema di welfare integrativo che possano garantire quei servizi che in futuro le risorse pubbliche e i singoli non potranno sostenere.

Lo scorso 7 giugno, all’incontro del Presidente Kompatscher con le parti sociali, abbiamo proposto un “patto per il territorio”, un accordo quadro che permetta di migliorare le condizioni economiche e normative dei lavoratori altoatesini.

Al momento la risposta delle istituzioni e della rappresentanza economica potremmo definirla un’indifferente silenzio. Nell’arco di pochi anni nessuno se la potrà cavare scrollando le spalle perché il problema sarà di tutti.

19.06.2018

 

Credits foto: 
© Thomas Weißenfels - Fotolia
Italiano