Tu sei qui

Disoccupazione: Puntare sull'assegno di ricollocazione e formazione


129

2621

0

1

Ieri è stata presentata la nuova versione della borsa lavoro. Si tratta certamente di uno strumento utile sia per chi offre che per chi cerca un lavoro. Allo stesso tempo sarebbe importante che in Alto Adige si implementassero delle politiche attive del lavoro che permettessero di trovare un’occupazione a coloro che hanno maggiore difficoltà di orientamento, come le circa 3.000 persone che sono disoccupate di lunga durata. Uno strumento importante in tal senso è l’assegno di ricollocazione.

L’assegno d’importo variabile serve a finanziare corsi di formazione professionale, organizzati da soggetti accreditati, per favorire il reinserimento dei disoccupati sul mercato del lavoro.

Da anni sosteniamo che serva un sistema coordinato di formazione continua mirato alla ricollocazione di coloro che non hanno più una professionalità spendibile sul mercato.

Un primo tentativo di valorizzare l’assegno di ricollocazione a livello provinciale, alcuni anni fa, non è stato concretizzato. Adesso che l’ANPAL, l’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro, sta finalmente entrando in funzione, crediamo sia necessario che tutti i soggetti interessati e in primo luogo le parti sociali, intervengano affinché attraverso l’assegno di ricollocazione si possa dare una speranza a chi probabilmente l’ha persa.

In questo senso chiederemo all’assessore al Lavoro un incontro al fine di agevolare l’avvio delle politiche attive anche in Alto Adige.

27.01.2017

 

Credits foto: 
Pexels
Italiano