Tu sei qui

Per la riforma del sistema previdenziale


114

2946

0

1

“A testa alta: tutti insieme per rivendicare diritti e dignità dei pensionati”. E’ questo l’obiettivo di Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil con la manifestazione del 19 maggio in piazza del Popolo a Roma, a cui ha partecipato anche una delegazione altoatesina di 50 sindacalisti.

Difesa delle pensioni di reversibilità, tutela del potere d’acquisto delle pensioni, estensione degli 80 euro alle pensioni più basse e modifica delle legge Fornero per facilitare la flessibilità in uscita e permettere l’entrata dei giovani nel mondo del lavoro. Sono alcuni dei punti essenziali dell’iniziativa unitaria che le tre organizzazioni sindacali portano in piazza a difesa dei pensionati.

I sindacati chiedono a Governo e Parlamento anche il recupero del danno prodotto dal blocco della rivalutazione, una legge quadro per la non autosufficienza, uguali detrazioni fiscali per lavoratori dipendenti e pensionati e maggiori risorse per l’invecchiamento della popolazione. 

“Chiediamo – spiegano i segretari dei sindacati dei pensionati di Cgil/Agb, SgbCisl e Uil-Sgk - maggiore flessibilità per l'accesso alla pensione, sia per tutelare i lavoratori più ‘deboli’, come donne e mansioni usuranti -, ma anche per consentire l'ingresso nel mondo del lavoro ai giovani, favorendo un ricambio generazionale richiesto anche dalle aziende”. Per i sindacati, è inoltre necessario correggere il funzionamento del sistema contributivo, in modo da garantire pensioni dignitose a tutti coloro che in questi decenni hanno svolto lavori saltuari, discontinui e malpagati, anche sviluppando la previdenza complementare.

“Respingiamo con decisione qualsiasi ipotesi d’intervento sulle pensioni di reversibilità, per la maggior parte donne. Vogliamo infine vengano tutelate le pensioni in essere, sia riducendo la pressione fiscale, che è tra le più alte in Europa, sia ripristinando il corretto meccanismo di rivalutazione di tutte le pensioni, come richiesto anche dalla Corte Costituzionale”, concludono i sindacalisti.

19.05.2016

Credits foto: 
SGBCISL
Italiano