Tu sei qui

Pensioni e Quota 100: alcune novità


38

539

0

Segue una panoramica di alcune novità in ambito previdenziale (aggiornata al 23.01.2019), soprattutto sulla Quota 100 e le altre tipologie di pensionamento.

Importante: il decreto legge deve essere confermato dal Parlamento entro 60 giorni. I punti elencanti potrebbero ancora subire delle variazioni nel corso dell’iter di conversione in legge. L’INPS in seguito emanerà le rispettive circolari. Solo allora sarà possibile presentare le domande.

Per ulteriori informazioni e assistenza in merito è possibile rivolgersi alle operatrici e agli operatori del Patronato INAS.

 

Una panoramica delle novitá in arrivo:

Quota 100

La pensione con la “quota 100” è introdotta sperimentalmente tra il 2019 e il 2021.

Per averne diritto, sono richiesti almeno 62 anni di età ed almeno 38 anni di contributi.

Le decorrenze cambiano in base al settore lavorativo:

  • Privati ‐ 1° aprile con requisiti maturati al 31 dicembre 2018; con requisiti maturati dal 1° gennaio 2019, dopo 3 mesi;
  • Pubblici ‐ 1° agosto con requisiti maturati alla data di entrata in vigore del decreto; con requisiti maturati dal giorno successivo alla data di entrata in vigore del decreto, dopo 6 mesi. Per il personale della Scuola e Afam la decorrenza è il 1° settembre/1° novembre con requisiti maturati entro il 31 dicembre dell’anno di accesso a pensione.

 

Quota 100 non è cumulabile con redditi da lavoro dipendente o autonomo, dalla decorrenza e fino al raggiungimento dell'età pensionabile (attualmente 67 anni). È invece cumulabile con i redditi da lavoro autonomo occasionale (ritenuta d’acconto), fino a 5.000 € lordi annui.

Pensione anticipata

Il requisito contributivo per la pensione anticipata non sarà adeguato alla speranza di vita fino al 31 dicembre 2026 e viene introdotta una “finestra” di 3 mesi.

Di fatto potranno accedere alla pensione anticipata le donne con 42 anni e 1 mese di contributi e gli uomini con 43 anni e 1 mese di contributi.

Opzione donna

Viene ripristinata la pensione anticipata con l’opzione donna (calcolata con il sistema contributivo).

Pensioni precoci

Il requisito contributivo ridotto (41 anni) per la pensione dei lavoratori precoci non sarà adeguato alla speranza di vita.

L'accesso alla pensione potrà avvenire solo dopo una “finestra” di 3 mesi dalla data di raggiungimento dei requisiti.

APE sociale

L’ape sociale è stato prorogato per il 2019 e si potrà ottenere con gli stessi requisiti e condizioni già previsti.

Riscatto dei vuoti contributivi e dei costi universitari

In via sperimentale per il triennio 2019‐2021, gli iscritti all'Inps dal 1° gennaio 1996 possono riscattare a condizioni agevolate periodi privi di contribuzione e corsi universitari.

24.01.2019

 

Credits foto: 
© marco2811 - Fotolia.com

Cerca

Form di ricerca


Ultime notizie