Tu sei qui

Le Parti Sociali altoatesine: No alla barriera al Brennero


467

3921

0

1

“La mobilità è un’esigenza fondamentale per le persone. La libera circolazione di persone, merci, servizi e capitali rappresenta una delle più grandi conquiste dell’Unione europea. Mantenere ciò deve essere obiettivo prioritario dell’Unione europea e di ciascuno degli stati membri. L’Europa non ha bisogno di nuovi muri, ma di rafforzare lo spirito originale dell’Unione che ha garantito al nostro continente più di 70 anni di pace ed uno sviluppo prosperoso” così Philipp Moser, Presidente di Südtiroler Wirtschaftsring - Economia Alto Adige, riassume l’opinione delle Parti Sociali altoatesine.

All’ultimo incontro (13.04.2016) del Tavolo delle Parti Sociali, al quale hanno partecipato tutti i rappresentanti delle organizzazioni datoriali di lavoro e dei lavoratori, è stata concordata una dichiarazione comune nella quale tutte le Parti Sociali si esprimono contro una possibile chiusura dei confini al Brennero. Per risolvere la crisi dei profughi si dovrà, invece, mirare ad una comune soluzione europea, che prevede una sicurezza dei confini esterni dell’UE, promuove la solidarietà tra gli Stati membri e si collega alla risoluzione delle cause sotto forma di sostegno diretto ai Paesi d’origine.

Con una lettera inviata al Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi, al Cancelliere della Repubblica Austriaca Werner Faymann e ai tre Governatori provinciali dell’Euregio Tirolo – Alto Adige/Südtirol – Trentino Arno Kompatscher, Ugo Rossi e Günther Platter è stata ribadita tale posizione.

14.04.2016

Credits foto: 
SGBCISL
Italiano

Cerca

Form di ricerca


Ultime notizie